ST Life.augmented

プレスリリース

La STMicroelectronics presenta i risultati finanziari del terzo trimestre e dei primi nove mesi del 2012

  •  Ricavi netti del terzo trimestre in aumento dello 0,9% su base sequenziale a 2,17 miliardi di dollari
  • Margine lordo del terzo trimestre al 34,8%, in crescita di 50 punti base sul trimestre precedente
  • Nuovo piano di riduzione dei costi permetterà di realizzare risparmi annualizzati di 150 milioni di dollari entro la fine del 2013
  • Onere di svalutazione non-cash di 690 milioni di dollari per il wireless

 

STMicroelectronics - Conto economico consolidato
STMicroelectronics - Stato Patrimoniale Consolidato
STMicroelectronics - Rendiconto Finanziario Selezione di Dati

Ginevra /

La STMicroelectronics ha presentato i risultati finanziari per il terzo trimestre e i nove mesi conclusisi il 29 settembre 2012.

Su base sequenziale, i ricavi netti del terzo trimestre sono aumentati dello 0,9% a 2,17 miliardi di dollari, il margine lordo è salito al 34,8% e la perdita netta di competenza della parent company è stata pari a 478 milioni di dollari, principalmente a causa di un onere non-cash di 690 milioni di dollari per la  svalutazione delle immobilizzazioni immateriali del Wireless.

Il President & CEO Carlo Bozottiha commentato: “I risultati del terzo trimestre in termini di ricavi e margine lordo hanno conseguito miglioramenti sequenziali. Nel complesso, la forza del nostro portafoglio prodotti ci ha permesso di gestire con buoni risultati un contesto di mercato attualmente caratterizzato da una domanda debole. In linea con le attese, abbiamo beneficiato di una crescita dei ricavi nelle aree dei MEMS, dei microcontrollori, dei MOSFET di potenza e degli IGBT, che mostrano una continua espansione in nuove applicazioni, e abbiamo rafforzato ulteriormente le relazioni con leader di mercato come Audi e Samsung. Il margine operativo delle attività interamente di proprietà della ST è progredito su base sequenziale del 5,8%, grazie in primo luogo ai miglioramenti del segmento dei Discreti di Potenza (PDP).

“Abbiamo adottato diverse misure importanti per fare progressi rispetto alle nostre priorità. A dicembre presenteremo il nostro nuovo piano strategico con cui intendiamo accelerare lungo la roadmap verso il modello finanziario precedentemente annunciato e assicurarci il successo futuro delle nostre attività sia nell'Analogico sia nel Digitale, e dunque della nostra azienda nel suo complesso.

“Un altro tassello di questo processo, che ci consente di fare ulteriori passi avanti per rendere sostenibili le nostre attività nel Digitale, è il nuovo piano di riduzione dei costi per 150 milioni di dollari che annunciamo oggi: una parte dei risparmi proviene  dalle iniziative identificate per sfruttare le sinergie del nostro approccio - annunciato ad aprile -   al concetto dell’Unified Processing Platform, mentre la parte restante dei risparmi sarà frutto di altre nuove iniziative, riguardanti ad esempio efficienze nel nostro modello di sviluppo delle tecnologie di processo e  riduzione delle spese associate all'outsourcing della progettazione.

“Il segmento Wireless ha compiuto buoni progressi nel terzo trimestre; tuttavia la perdita operativa ed il cash flow negativo del segmento rimangono considerevoli. Contestualmente al nostro test annuale sulle immobilizzazioni immateriali e sulla base della nostra valutazione del piano del segmento Wireless, aggiornato al terzo trimestre 2012, e delle dinamiche in evoluzione del settore degli smart phone, si è contabilizzato un onere non-cash di 690 milioni di dollari. Quest’onere riflette la nostra attuale miglior stima del valore del nostro business Wireless.”

Sintesi dei principali dati finanziari

U.S. GAAP
(in milioni di dollari)
Q3 2012Q2 2012Q3 2011
Ricavi netti (a)2.1662.1482.442
Margine lordo34,8%34,3%35,8%
Perdita operativa, come riportata(792)(207)(23)
Utile netto (perdita) di competenza della parent company(478)(75)71

(a) I ricavi netti includono le vendite registrate da ST-Ericsson come consolidate dalla ST

Non-U.S. GAAP*
Prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum(in milioni di dollari)
Q3 2012Q2 2012Q3 2011
Perdita operativa(79)(151)(13)
Margine operativo(3,6%)(7,0%)(0,5%)
Margine operativo – di competenza della ST0,3%(1,3%)4,3

Rassegna del terzo trimestre
I ricavi netti della ST nel terzo trimestre sono progrediti dello 0,9% su base sequenziale, mantenendo un livello stabile per quanto riguarda le attività interamente di proprietà della ST e mostrando un incremento di circa il 4%, compresi ricavi di 35 milioni di dollari provenienti da licenze di Proprietà Intellettuale, nel segmento di prodotto Wireless. La regione EMEA ha fatto segnare una crescita sequenziale del 5%, mentre Greater China & South Asia, Americhe e Giappone e Corea sono rimasti relativamente stazionari.

Il margine lordo del terzo trimestre ha conseguito un progresso sequenziale di 50 punti base passando al 34,8%, grazie principalmente alle efficienze di produzione migliorate, a un mix di prodotti favorevole e ad effetti valutari. Gli oneri da sottoutilizzo della capacità produttiva sono  stati di 19 milioni di dollari nel terzo trimestre, da raffrontare a 16 milioni di dollari nel trimestre precedente.

Le spese combinate per SG&A e Ricerca e Sviluppo sono diminuite del 6% a 852 milioni di dollari rispetto a 909 milioni di dollari nel trimestre precedente, grazie a effetti stagionali e valutari positivi e alle iniziative in corso di riallineamento dei costi di ST-Ericsson. Per quanto riguarda le spese operative combinate in percentuale delle vendite si è passati al 39,3% nel terzo trimestre del 2012 rispetto al 42,3% nel trimestre precedente.

Gli oneri di ristrutturazione e svalutazione sono aumentati in maniera significativa a 713 milioni di dollari rispetto ai 56 milioni di dollari del trimestre precedente, e sono principalmente riconducibili all’onere di svalutazione non-cash delle immobilizzazioni immateriali nel segmento Wireless.

Tenendo conto delle perdite di ST-Ericsson, nel terzo trimestre del 2012 il margine operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum di competenza della ST è migliorato a 0,3% rispetto al dato di meno 1,3% conseguito nel trimestre precedente.*

Nel terzo trimestre del 2012, la perdita netta attribuibile agli interessi di minoranza è stata pari a 351 milioni di dollari e include il 50% posseduto da Ericsson nella joint venture ST-Ericsson, come consolidata dalla ST. Nel secondo trimestre del 2012, la somma corrispondente era stata di 160 milioni di dollari.

Nel terzo trimestre, la perdita netta di competenza della parent company è stata pari a 478 milioni di dollari o (0,54) dollari per azione, da raffrontare a una perdita netta di (0,08) dollari per azione e a utili netti di 0,08 dollari per azione dopo la diluizione fatti segnare rispettivamente nel trimestre precedente e nello stesso periodo del 2011. Dopo la rettifica, al netto delle imposte, la ST ha riportato nel terzo trimestre una perdita netta non US GAAP di (0,03) dollari per azione, escludendo gli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum, da confrontare con una perdita netta di (0,05) dollari per azione e utili netti di 0,09 dollari per azione dopo la diluizione conseguiti rispettivamente nel trimestre precedente e nel terzo trimestre del 2011.

(*) Il reddito operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum, il margine operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum, il margine operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum di competenza della ST e gli utili netti per azione rettificati non sono parametri US GAAP. Fare riferimento all’Allegato A per ulteriori informazioni e per la riconciliazione con i parametri US GAAP.

Per il terzo trimestre del 2012, il tasso di cambio medio effettivo per la Società è stato di circa 1,29 dollari per €1,00, rispetto a 1,32 dollari per €1,00 nel secondo trimestre del 2012 e a 1,40 dollari per €1,00 nel terzo trimestre del 2011.

Ricavi netti per segmento di mercato/canale

Ricavi netti per segmento di mercato/canale (*) (valori stimati e in %)Q3 2012Q2 2012Q3 2011
Segmento di mercato/canale:   
Automotive18%19%17%
Computer13%13%14%
Elettronica di Consumo11%10%10%
Industriale e Altro9%9%9%
Telecom25%27%28%
Totale OEM76%78%78%
Distribuzione24%22%22%

(*) Le vendite registrate da ST-Ericsson e consolidate dalla ST sono incluse in Telecom e Distribuzione.

Su base sequenziale, Computer, Elettronica di Consumo e Industriale e Altro hanno riportato una crescita rispettivamente del 3%, del 1% e del 1%, mentre Automotive e Telecom hanno fatto segnare una flessione rispettivamente del 3% e del 8%. Distribuzione ha registrato un incremento del 6%.

Ricavi e risultati operativi per segmento di prodotto ST
A partire dal 1° gennaio 2012, la Società ha iniziato a riportare i risultati del pre-esistente segmento di prodotto ACCI (Automotive/Elettronica di Consumo/Computer/Infrastruttura di comunicazione) all'interno di altri segmenti. I nuovi segmenti di prodotto sono il Segmento Automotive (“APG”) e il Settore Digitale (“Digitale”), comprendente il Gruppo Convergenza Digitale (“DCG”) e l'Imaging, ASIC BiCMOS e Fotonica su Silicio (“IBP”).

Segmento operativo (in milioni di dollari)Q3 2012
Ricavi netti
Q3 2012
Reddito operativo
(perdita)
Q2 2012
Ricavi netti
Q2 2012
Reddito operativo (perdita)
Q3 2011
Ricavi netti
Q3 2011
Reddito operativo (perdita)
Automotive (APG)391344043840446
Analogici, MEMS e Microcontrollori (AMM)80410177498856147
Digitale325(30)353(36)44220
Discreti di Potenza (PDP)27518262431633
Wireless (a) 359(184)344(240)412(215)
Altri (b) (c) 12(731)11(71)12(54)
TOTALE2.166(792)2.148(207)2.444(23)

(a)Wireless include la quota di vendite e i risultati operativi di ST-Ericsson come consolidati nei ricavi e risultati operativi della Società, oltre ad altre voci che influenzano i risultati operativi relativi al business wireless.
(b) I ricavi netti della voce “Altri” includono i ricavi dalle vendite di Sottosistemi, servizi di assemblaggio e altri ricavi.
(c) Il reddito o perdita operativa della voce “Altri” include voci quali oneri da sottoutilizzo della capacità produttiva, oneri di svalutazione, costi di ristrutturazione e altre spese di chiusura correlate, i costi di dismissione e avviamento, l'impatto della sentenza arbitrale relativa a NXP e altre spese non allocate, tra cui: programmi di ricerca e sviluppo strategici o speciali, alcune spese operative a livello corporate, rivendicazioni di brevetti e controversie legali e altri costi non riconducibili ai gruppi di prodotto, nonché utili operativi del Gruppo Sottosistemi e Altri Prodotti. “Altri” include 19 milioni di dollari, 16 milioni di dollari e 42 milioni di dollari di oneri per il sottoutilizzo della capacità produttiva rispettivamente per il terzo e il secondo trimestre del 2012 e per il terzo trimestre del 2011, e 713 milioni di dollari, 56 milioni di dollari e 10 milioni di dollari di oneri di svalutazione, costi di ristrutturazione e altre spese di chiusura correlate sostenuti rispettivamente nel terzo e secondo trimestre del 2012 e nel terzo trimestre del 2011.
 

Nel terzo trimestre i ricavi netti del segmento Automotive (APG) sono diminuiti del 3,1% su base sequenziale, a causa principalmente dell’andamento debole del mercato. Il margine operativo di APG nel terzo trimestre è passato al 8,6% rispetto al 9,4% riportato nel trimestre precedente.

I ricavi netti del segmento Analogici, MEMS e Microcontrollori (AMM) hanno conseguito un incremento del 3,9% su base sequenziale, grazie soprattutto alle applicazioni per dispositivi analogici e microcontrollori. Il margine operativo di AMM nel terzo trimestre del 2012 è stato del 12,6%, stabile rispetto al trimestre precedente.

Con riferimento al settore Digitale, i ricavi netti del terzo trimestre mostrano una flessione del 7,8% su base sequenziale dovuta principalmente alla domanda debole da parte di alcuni clienti specifici del settore Imaging, da cui è conseguita una contrazione sequenziale dei ricavi della divisione Imaging, ASIC BiCMOS e Fotonica su Silicio (IBP) a 85 milioni di dollari rispetto a 124 milioni di dollari fatti segnare nel trimestre precedente. Nonostante la flessione delle vendite, nel terzo trimestre del 2012 la perdita operativa del settore Digitale è stata ridotta a meno 30 milioni di dollari rispetto al dato negativo di 36 milioni di dollari riportato nel trimestre precedente.

I ricavi netti dei Prodotti Discreti di Potenza (PDP) sono progrediti nel terzo trimestre del 5,2% su base sequenziale, un incremento che riflette la maggiore domanda di MOSFET di potenza e IGBT. Per quanto riguarda il margine operativo del segmento PDP, nel terzo trimestre del 2012 si è passati al 6,4% rispetto al 1,6% fatto segnare nel trimestre precedente.

Per quanto riguarda il segmento Wireless, i ricavi netti del terzo trimestre sono aumentati del 4,3% rispetto al trimestre precedente grazie al progressivo incremento dei volumi di vendita delle piattaforme NovaThor di ST-Ericsson e ai proventi che ha ricavato dalla concessione in licenza di proprietà intellettuale. Nel terzo trimestre la perdita operativa nel Wireless è stata pari a 184 milioni di dollari, o a 98 milioni di dollari tenendo conto degli interessi di minoranza, rispetto a una perdita di 240 milioni di dollari, o 113 milioni di dollari in considerazione degli interessi di minoranza, fatta segnare nel trimestre precedente. Per ulteriori informazioni, consultare il comunicato stampa sui risultati di ST-Ericsson nel terzo trimestre 2012 all'indirizzo www.st.com e sul sito www.stericsson.com

Principali dati su cash flow e stato patrimoniale
Nel terzo trimestre il free cash flow è stato negativo per 80 milioni di dollari, a causa principalmente dei risultati di ST-Ericsson. Nel trimestre precedente, il free cash flow era stato negativo per 129 milioni di dollari.*

Nel terzo trimestre del 2012 le spese in conto capitale, al netto dei proventi dalle vendite, sono state di 203 milioni di dollari rispetto a 70 milioni di dollari nel trimestre precedente. Le spese in conto capitale totalizzate dall'inizio dell'anno, pari a 398 milioni di dollari, mostrano una significativa riduzione rispetto al dato di 1,2 miliardi di dollari riferito ai primi nove mesi del 2011.

Alla fine del trimestre le scorte erano leggermente diminuite a 1,48 miliardi di dollari.

Nel terzo trimestre, la Società ha distribuito dividendi agli azionisti per 89 milioni di dollari.

La posizione finanziaria netta di competenza della ST è rimasta a livelli sostenuti con una posizione di cassa netta che al 29 settembre 2012 era pari a 1,06 miliardi di dollari, come rettificata tenendo conto del 50% del debito di ST-Ericsson, rispetto a 1,17 miliardi di dollari al 31 dicembre 2011. Al 29 settembre 2012 la cassa e le disponibilità liquide, i titoli negoziabili e la liquidità vincolata della ST erano pari a 1,93 miliardi di dollari, mentre l'indebitamento totale era di 1,56 miliardi di dollari, compresi 695 milioni di dollari di indebitamento a breve termine da ST-Ericsson a Ericsson.*

Alla fine del trimestre il patrimonio netto era di 6,33 miliardi di dollari, inclusi gli interessi di minoranza.

Nel terzo trimestre del 2012 la Società ha registrato un ritorno sul capitale investito (RONA) di competenza della ST dello 0,5%.*

(*) Il free cash flow, la posizione finanziaria netta e il RONA di competenza della ST non sono parametri US GAAP. Fare riferimento all’Allegato A per ulteriori informazioni e per la riconciliazione con i parametri US GAAP.
 
Risultati dei primi nove mesi del 2012
I ricavi netti per i primi nove mesi del 2012 sono diminuiti del 16% circa a 6,33 miliardi di dollari, rispetto a 7,54 miliardi di dollari fatti segnare nello stesso periodo dello scorso anno, a causa principalmente della contrazione dei volumi, in particolare di un calo significativo delle vendite all'ex cliente più importante della Società, e di un rallentamento sul mercato complessivo dei semiconduttori. 

Il margine lordo è stato pari al 32,9% dei ricavi netti, da confrontare con il 37,7% dei ricavi netti registrato nei primi nove mesi del 2011. Tra i fattori che hanno inciso negativamente sul margine lordo dei primi nove mesi del 2012 vi sono la flessione delle vendite, gli oneri per il sottoutilizzo degli impianti pari a 106 milioni di dollari e, in misura minore, l'onere una tantum di 53 milioni di dollari dovuto alla sentenza di un tribunale arbitrale, imputato al costo delle vendite della ST. Nei primi nove mesi del 2012 la perdita netta, come riportata, è stata di 730 milioni di dollari, pari a (0,82) dollari per azione, rispetto a un utile netto di 661 milioni di dollari, o 0,73 dollari per azione dopo la diluizione, fatto segnare nei primi nove mesi del 2011. Dopo la rettifica, al netto delle imposte, la ST ha riportato nei primi nove mesi del 2012 una perdita netta non US GAAP di (0,22) dollari per azione, escludendo gli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum, da confrontare con un utile di 0,43 dollari per azione conseguito nei primi nove mesi del 2011.*

Nei primi nove mesi del 2012 il tasso di cambio medio effettivo della Società è stato di circa 1,31 dollari per €1,00, rispetto a 1,37 dollari per €1,00 nei primi nove mesi del 2011.

Ricavi e risultati operativi dei primi nove mesi del 2012 per segmento di prodotto

Segmento operativo (in milioni di dollari)Nove mesi 2012
Ricavi netti
Nove mesi 2012
Reddito operativo
(perdita)
Nove mesi 2011
Ricavi netti
Nove mesi 2011
Reddito operativo
(perdita)
Automotive (APG)1.1861081.295187
Analogici, MEMS e Microcontrollori (AMM)2.3362982.631490
Digitale1.014(103)1.45198
Discreti di Potenza (PDP)77016986123
Wireless994(717)1.143(601)
Altri31(954)37(119)
TOTALE6.331(1.352)7.543178

Nuovo piano di riduzione dei costi
Nell'intento di migliorare la performance e ottimizzare l'utilizzo degli asset, la ST ha annunciato un nuovo piano di riduzione dei costi studiato per conseguire un risparmio annuo di 150 milioni di dollari entro la data di completamento prevista per la fine del 2013.

Una parte dei risparmi provenienti dalle iniziative identificate sfrutterà le sinergie del già annunciato approccio al concetto dell’Unified Processing Platform, in particolare per quanto riguarda l'integrazione delle attività di sviluppo dei system-on-chip per la TV digitale. Il piano prevede anche altre nuove iniziative, riguardanti ad esempio migliori efficienze nel modello di sviluppo delle tecnologie di processo e riduzione delle spese relative all'outsourcing della progettazione. Si calcola che il piano comporterà costi totali di ristrutturazione fra i 25 e i  30 milioni di dollari circa fino al completamento e potrebbe riguardare un massimo di 500 posti di lavoro anche attraverso il mancato rinnovo dei collaboratori a contratto e il blocco del turnover.

Di conseguenza, unitamente ai risparmi da realizzare attraverso il piano di ristrutturazione annunciato ad aprile del 2012 già in corso in ST-Ericsson, e considerando la partecipazione al 50% della ST in ST-Ericsson, la Società prevede di conseguire risparmi annualizzati pari a 220 milioni di dollari a livello di utile operativo di competenza della ST entro la fine del 2013 (con riferimento alla base di costi del Q4 2011).

Previsioni sulle attività del quarto trimestre 2012
Bozotti ha detto: “Guardando al quarto trimestre, ci attendiamo per i ricavi un andamento relativamente stabile da un trimestre all’altro per la Società, come conseguenza della debolezza dello scenario complessivo a livello macroeconomico, che si traduce in una diminuzione degli ordini. Abbiamo già predisposto piani per allineare meglio le nostre attività produttive con le condizioni del mercato chiudendo temporaneamente impianti, riportando in house attività delegate a subcontractors e mettendo in opera misure di riduzione dei costi. Queste misure straordinarie si pongono come obbiettivo una riduzione delle scorte di circa 150 milioni di dollari, mentre l’effetto in termini di oneri di mancata saturazione degli impianti durante il quarto trimestre è stimato a circa 80 milioni di dollari.

Nel corso dell’anno ci siamo trovati a gestire una complessa situazione dovuta alle difficoltà del business wireless e dello scenario macro-economico. Ciò nonostante, siamo rimasti concentrati sull’obbiettivo di mantenere una posizione finanziaria solida. Prevediamo che la posizione finanziaria netta di competenza della ST migliorerà nel quarto trimestre e alla fine del 2012 si attesterà sugli stessi livelli di fine 2011. Abbiamo ridotto in maniera significativa le spese in conto capitale quest’anno e il totale per l’intero anno dovrebbe essere di conseguenza intorno ai 500 milioni di dollari.

Infine, pur tenendo conto del quadro macroeconomico relativamente debole, per il quarto trimestre ci attendiamo una marcata crescita dei ricavi nei MEMS per la rilevazione del movimento e nei sensori ambientali e ulteriore progresso nei microcontrollori. Più a lungo termine, le nostre opportunità nel settore automotive saranno rafforzate dalla recente alleanza strategica con Audi.”

Secondo le stime del Società, l'evoluzione sequenziale dei ricavi nel quarto trimestre del 2012 dovrebbe rientrare in un range fra circa -5% e +2%. Tenendo conto degli oneri da sottoutilizzo degli impianti nettamente più elevati rispetto al terzo trimestre, il margine lordo del quarto trimestre dovrebbe attestarsi intorno al 32,0%, più o meno 2 punti percentuali.

Questa previsione si basa su un tasso di cambio presunto effettivo di circa 1,30 dollari = €1,00 per il quarto trimestre 2012 e include l'impatto dei contratti di hedging in essere. Il quarto trimestre si concluderà il 31 dicembre 2012.

Sviluppi societari recenti 
Il 6 agosto, la ST ha annunciato di avere completato l'acquisizione della proprietà intellettuale e dei talenti di bTendo, una start-up israeliana all'avanguardia nelle tecnologie di proiezione. Dopo i buoni risultati del programma di sviluppo congiunto, condotto sfruttando il motore Scanning Laser Projection di bTendo insieme al know-how nel campo dei MEMS per il quale la ST è leader di mercato, la ST è ben posizionata per porsi alla guida del mercato emergente della condivisione dei video su smartphone e altri dispositivi di elettronica di consumo portatili.

Il 30 agosto, la ST ha annunciato un accordo di collaborazione e un investimento di minoranza di 6 milioni di euro nel capitale di MicroOLED, società con sede a Grenoble (Francia) specializzata nello sviluppo e nella commercializzazione di diodi organici a emissione di luce (OLED) all'avanguardia. L'accordo e l'investimento rafforzano la presenza della ST nel mercato emergente dei micro display per un'ampia gamma di applicazioni portatili, che spazia dai mirini per telecamere ai video occhiali fino alle applicazioni mediche e di sicurezza.

(*) Gli utili netti per azione rettificati non sono parametri US GAAP. Fare riferimento all’Allegato A per ulteriori informazioni e per la riconciliazione con i parametri US GAAP.

Il 13 settembre, la ST ha annunciato l'ingresso di Georges Penalver nella Società e la sua nomina a Executive Vice President, membro del Corporate Strategic Committee e Corporate Strategy Officer.
Penalver, che in precedenza era membro dell'Executive Board di France Telecom/Orange Group con l'incarico per le iniziative e partnership strategiche del Gruppo, porta con sé una vasta esperienza nel definire le strategie corporate, nella guida di attività di business e nell'implementazione di processi di trasformazione complessi. Alla stessa data Jean-Marc Chery , Executive Vice-President, ha assunto la responsabilità di Direttore Generale del Settore Digitale, mantenendo allo stesso tempo il suo precedente ruolo di Executive Vice-President e Chief Technology and Manufacturing Officer. In conseguenza delle accresciute responsabilità di Chery, Eric Aussedat (Corporate Vice President e direttore generale del gruppo Imaging , Bi-CMOS ASIC and Silicon Photonics Group), Joel Hartmann (Corporate Vice President per il front-end manufacturing e la R&S di processo per il Settore Digitale) e Philippe Magarshack (Corporate Vice President per il Design Enablement & Services) sono stati promossi Executive Vice President mantenendo il precedente raggio d'azione e attività.
 
Contemporaneamente la ST ha inoltre annunciato che presenterà il nuovo piano strategico a dicembre. Gli obiettivi del piano sono di continuare ad accelerare lungo la roadmap dell’azienda verso il modello finanziario già annunciato, alla luce del mutato contesto del mercato e di alcune dinamiche specifiche di clienti, e di continuare ad assicurare il successo futuro della Società nel suo complesso, facendo sì che ambedue i segmenti dell’azienda, cioè le attività nell’Analogico e quelle nel Digitale, diventino sostenibili il più velocemente possibile.

Principali prodotti e tecnologie del terzo trimestre 2012
Durante il trimestre, la ST ha realizzato robusti progressi grazie all'introduzione di nuovi importanti prodotti e aggiudicandosi progetti significativi in settori prioritari a forte crescita come gestione e risparmio dell'energia, sicurezza dei dati, sanità e benessere  e smart gadget.

Automotive

  • La ST ha contribuito a rendere più sicuri e più affidabili i sistemi elettronici di un veicolo con l'introduzione degli unici dispositivi di protezione da picchi di corrente/tensione certificati secondo le specifiche preferite dall'industria automobilistica.
  • Costituito un laboratorio congiunto con il FAW  Group of China per promuovere l'innovazione nell'elettronica per l'automobile.
  • I microcontrollori a 32-bit per l'automobile si sono aggiudicati, in tre continenti, una serie di progetti per la gestione di sistemi di sicurezza di importanza critica all'interno della vettura, come gli airbag e il controllo della stabilità del veicolo.
  • Confermata la leadership nelle applicazioni "car-body" (cioè le funzioni interne all'abitacolo di un'automobile) con l'acquisizione di due importanti progetti presso grandi produttori di elettronica per l'automobile in Europa e Corea.
  • Ottenuto un progetto per la sezione di alimentazione del sistema di gestione del motore di uno dei più importanti attori mondiali nel mercato dell'automobile.
  • I chip della ST sono stati scelti per regolare la tensione negli alternatori per automobile di uno dei principali produttori di veicoli in Corea.

                                                                                                    
Settore digitale
Convergenza digitale

  • Grazie all'introduzione di un nuovo, piccolo chip per decoder per TV (set-top box, STB), gli utenti potranno disporre di STB più piccoli ed economici per ricevere servizi multimediali OTT (Over-the-Top) e broadcast anche al di fuori dalla mura domestiche.
  • Acquisiti diversi progetti per router ad alta velocità con protocollo attivo, presso i principali costruttori di PC e produttori di display.
  • Vinto un importante progetto con un system-on-chip da 40 nm per una nuova serie di decoder per TV su protocollo IP di uno dei maggiori attori del mercato globale. 
  • Ottenuto con il system-on-chip Orly il progetto per un set-top box su protocollo IP presso uno dei principali fornitori di servizio in Asia
  • Consegnati a un importante OEM nel settore delle reti i campioni di circuiti integrati per comunicazioni su lunghe distanze a 100Gb/s, prodotto con tecnologia di processo da 32 nm.

Imaging, Bi-CMOS ASIC e Fotonica su Silicio

  • Un chip processore per il miglioramento dell'immagine è stato scelto da un marchio leader nella telefonia cellulare per diversi importanti progetti di smartphone.
  • Sviluppato, assieme a CMOSIS, un sensore di immagine full-frame da 24 Mpixel per una macchina fotografica digitale ad alte prestazioni per un produttore leader europeo nelle macchine fotografiche e nei sistemi ottici. 

Analogici, MEMS e Microcontrollori

  • Introdotti "cool bypass switches" (commutatori a bassa dissipazione di calore) ad alta efficienza per moduli fotovoltaici che riducono il costo per Watt delle energie rinnovabili poiché permettono agli utenti finali di sfruttare una percentuale ancora più alta di energia catturata dall'ambiente.
  • Conquistato con successo il progetto di un alimentatore e un circuito integrato di controllo per i ricevitori digitali satellitari di un importante produttore cinese.
  • Avviata la produzione di controllori di alimentazione per il più recente computer "all-in-one" di un produttore americano leader.
  • Rivelato il nostro giroscopio in forma di chip più piccolo (3x3x1 mm), con minor consumi e maggiori prestazioni, per applicazioni avanzate di rilevazione del movimento.
  • Aggiudicata la fornitura di accelerometro e giroscopio per un nuovo smartphone di uno dei principali produttori di elettronica di consumo.
  • Aggiudicata la fornitura di un giroscopio "dual-core" presso uno dei principali fornitori di telefoni cellulari, per la funzione di stabilizzazione ottica dell'immagine (Optical Image Stabilization) nel suo più importante modello di telefonino.
  • Ingresso nel mercato, in rapida crescita, dei touch-screen con l'avvio della produzione di serie dei circuiti integrati IN-cell di touch-control per il più recente smartphone di Samsung.
  • Aggiudicata la fornitura del microfono per il noto tablet di una delle più importanti società americane.
  • Continua il successo dell'STM32 con l'acquisizione di importanti progetti: una nuova tastiera presso uno dei principali OEM nel settore dell'elettronica di consumo e un dispositivo pedometro/monitoraggio della forma fisica di un produttore leader americano.
  • I microcontrollori STM8 sono stati selezionati in progetti di sistemi per la gestione del consumo di potenza negli accessori per videogiochi di alcuni importanti OEM.
  • La memoria EEPROM da 2-Mbit è stata scelta per un sistema di supporto alla respirazione, da un produttore asiatico leader nelle apparecchiature per la sanità.
  • Avviata la produzione di regime del nuovo system-on-chip per smartcard bancarie Advantis/TIBC, certificate da Visa, in America Latina.

Discreti di Potenza

  • Presentati avanzati MOSFET di potenza ad alta tensione pensati per gli standard emergenti di eco-design e per le opportunità di soluzioni di "energia verde"
  • Ottenuta la qualificazione di MOSFET per i convertitori DC/DC dei veicoli ibridi elettrici di uno dei principali produttori automobilistici giapponesi.
  • Aggiudicati diversi nuovi progetti per la protezione ad alta velocità contro le scariche elettrostatiche negli schermi TV, nei PC, laptop, telefoni cellulari e tablet presso alcuni dei più di OEM globali.
  • I chip per la sintonizzazione d'antenna a radiofrequenza sono stati scelti per alcuni telefoni cellulari e tablet di uno dei principali OEM di Taiwan.
  • Aggiudicata la fornitura di Moduli Intelligenti di Potenza per le lavatrici più avanzate di un fornitore europeo leader negli elettrodomestici.

ST-Ericsson

  • Lo smartphone S899t Lenovo LePhone -  progettato per China Mobile - è basato sul processore applicativo ST-Ericsson Nova™ A9500.  È il primo smartphone della Lenovo basato sul processore applicativo dual-core ad alte prestazioni della ST-Ericsson. Oltre al Nova A9500, Lenovo ha scelto anche le soluzioni per la connettività CG2900 e CW1100 della ST-Ericsson per funzioni GPS, Bluetooth, FM e Wi-Fi.     
  • ANT Wireless, divisione di Dynastream Innovations Inc., ha annunciato un nuovissimo elemento della famiglia di soluzioni su silicio ANT: il dispositivo ST-Ericsson CG2905 che riunisce in un solo chip GNSS/Bluetooth/FM e incorpora il supporto di ANT.
  • La ST-Ericsson continua ad ampliare la collaborazione con i produttori cinesi su  NovaThor U8500 e la versione con più funzioni NovaThor U8520.
  • Durante il trimestre è stato completato il progetto ed è iniziata la produzione delle prime fette campione di silicio della piattaforma NovaThor L8540 LTE ModAp e della sua variante in tecnologia FD-SOI (Fully Depleted Silicon-On-Insulator. Si prevede che entrambi i prodotti siano disponibili nel quarto trimestre.


Uso di informazioni finanziarie supplementari non US GAAP
Questo comunicato stampa contiene informazioni finanziarie supplementari non US GAAP, fra cui il reddito operativo (perdita) prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum, margine operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum, margine operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum di competenza della ST, utili netti (perdita) rettificati, utili netti (perdita) per azione rettificati, free cash flow, RONA di competenza della ST, posizione finanziaria netta e posizione finanziaria netta rettificata tenendo conto dell'investimento al 50% in ST-Ericsson.

Si avvertono i lettori che questi parametri non sono certificati e non sono preparati in conformità con le normative US GAAP e non vanno quindi considerati come sostitutivi dei parametri finanziari US GAAP. Inoltre, tali parametri finanziari non US GAAP possono non essere comparabili a informazioni con denominazioni simili fornite da altre Società.

Fare riferimento all'Allegato A del presente comunicato stampa per una riconciliazione dei parametri finanziari non US GAAP della Società con i corrispondenti parametri finanziari US GAAP. Per compensare le limitazioni indicate, le informazioni finanziarie supplementari non US GAAP vanno consultate congiuntamente con i bilanci consolidati della Società, preparati in conformità con US GAAP.

Dichiarazioni su aspettative future
Alcune delle affermazioni contenute in questo comunicato che non rappresentano fatti accaduti, sono dichiarazioni su aspettative future e altre dichiarazioni relative al futuro (ai sensi dell’articolo 27A del Securities Act del 1933 o dell’articolo 21E del Securities Exchange Act del 1934 e relative modifiche) che sono basate sulle attuali aspettative, punti di vista e opinioni del management e sono condizionate da e inoltre comprendono rischi conosciuti e non conosciuti e incertezze che potrebbero far sì che risultati, prestazioni ed eventi effettivi differiscano in maniera sostanziale da tali dichiarazioni a causa, fra gli altri fattori, di:

  • Il contesto macro-economico e del nostro mercato che continua ad essere difficile ci ha indotto ad intraprendere una revisione strategica delle nostre attività, focalizzandoci in particolare sul digitale, in modo da ottimizzare l’allineamento della nostra performance nel digitale e nell’analogico con il nostro modello finanziario e raggiungere un equilibrio finanziario sostenibile; di conseguenza, in seguito al nostro nuovo piano strategico, che sarà annunciato a dicembre, si potrebbe creare la possibilità di un’ ulteriore svalutazione e/o di oneri di ristrutturazione che potrebbero avere un impatto significativo sui nostri risultati finanziari;
  • Ulteriori oneri di svalutazione potrebbero essere richiesti nel caso in cui ST-Ericsson non sia in grado di eseguire con successo il suo nuovo piano strategico e raggiungere un equilibrio finanziario sostenibile;
  • variazioni della domanda nei mercati applicativi chiave e/o da parte dei clienti principali serviti dai nostri prodotti, inclusa la domanda di prodotti con cui abbiamo conseguito successi di progettazione e/o la domanda di applicazioni per le quali perseguiamo una crescita, tutti fattori che rendono estremamente difficile fare previsioni accurate e pianificare le nostre attività future;
  • la nostra capacità, in periodi di contrazione della domanda da parte del mercato o di minore visibilità sugli ordini, di ridurre le nostre spese come richiesto, e la nostra capacità di utilizzare le nostre strutture produttive a livelli sufficienti con le tecnologie di processo esistenti in modo da coprire i nostri costi operativi fissi;
  • la nostra capacità, in un ambiente altamente competitivo, di identificare e allocare le risorse di progettazione necessarie al fine di sviluppare con successo e assicurarci l’accettazione da parte dei clienti di nuovi prodotti che soddisfino le loro aspettative, e la nostra capacità di raggiungere le aspettative in termini di prezzo per forniture in grandi volumi di nuovi prodotti nello sviluppo dei quali abbiamo investito o stiamo attualmente investendo;
  • l’impatto finanziario di scorte obsolete o eccessive se la domanda effettiva differisce rispetto alle nostre aspettative, e la capacità dei nostri clienti di competere con successo nei mercati che servono utilizzando i nostri prodotti;
  • la nostra capacità di mantenere o migliorare la nostra competitività, specialmente alla luce della crescente volatilità nei mercati delle valute e, più in particolare, del tasso di cambio del dollaro US in rapporto all'euro e alle altre principali valute che utilizziamo per le nostre attività operative;
  • l’impatto di rivendicazioni della proprietà intellettuale (“IP”) da parte dei nostri concorrenti o altre terze parti, e la nostra capacità di ottenere le licenze richieste con condizioni e termini ragionevoli;
  • il risultato di controversie legali in corso come pure di nuove controversie contro di noi;
  • mutamenti nella nostra posizione fiscale complessiva in conseguenza di cambiamenti nella legislazione fiscale,  come risultato di verifiche fiscali, o di cambiamenti nei trattati internazionali in materia fiscale che possano incidere sui nostri risultati operativi e la nostra capacità di stimare in maniera accurata crediti d’imposta, benefici, deduzioni e accantonamenti e di realizzare imposte differite;
  • richieste di danni o di garanzia di prodotti fondate su tassi di difettosità diffuse o mancate consegne o campagne di richiamo da parte dei nostri clienti relative a un prodotto che contiene una delle nostre componenti;
  • la disponibilità e i costi di materie prime, utenze, servizi di produzione di terze parti, o di altre forniture richieste dalle nostre attività operative; e
  • le attuali incertezze dello scenario macro economico e industriale, la crisi dell'eurozona e altri fattori globali che potrebbero determinare una crescita limitata o una recessione in una o più regioni importanti dell'economia mondiale, default di Stati sovrani, mutamenti nelle condizioni politiche, sociali, economiche o infrastrutturali, includendo quelli che derivano da conflitti militari, disordini d'ordine pubblico e/o attività terroristiche, così come eventi naturali quali maltempo, rischi sanitari, epidemie, terremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche o altre cause naturali di forza maggiore che si manifestano o influiscono su Paesi in cui la Società, i suoi clienti chiave o i suoi fornitori operano, tutti fattori che potrebbero a loro volta causare interruzioni non pianificate nella nostra supply chain e una riduzione o un ritardo della domanda da parte dei nostri clienti. 

Alcune delle affermazioni riguardanti il futuro sono soggette a diversi rischi e incertezze, che possono far sì che i risultati o la performance effettivi delle nostre attività differiscano materialmente e negativamente da quelli indicati in tali dichiarazioni. Alcune delle affermazioni relative al futuro possono essere identificate dall’uso di termini rivolti al futuro come “crede”, “si attende”, “può”, “è atteso”, “dovrebbe”, “potrebbe”, “cerca”, “prevede” o espressioni simili, o la loro negazione o altre variazioni di esse o termini comparabili, o da discussioni di strategia, piani o intenzioni.

Alcuni di questi fattori di rischio sono dichiarati e discussi con maggiore dettaglio alla voce “Item 3. Key Information — Risk Factors” compresa nel nostro bilancio annuale sul Modulo 20-F per l’anno conclusosi il 31 dicembre 2011, come depositato presso la SEC il 5 marzo 2012. Se uno o più di questi rischi o incertezze si materializzassero, o se le assunzioni sottostanti si dimostrassero non corrette, i risultati effettivi potrebbero variare sostanzialmente da quelli descritti in questo annuncio come anticipato, creduto o atteso. Non intendiamo, né assumiamo impegni per, aggiornare alcuna informazione sul settore o dichiarazioni riguardanti il futuro presenti in questo annuncio in modo da

Informazioni relative alla Conference Call e al webcast della STMicroelectronics
Il 24 ottobre 2012 la direzione della STMicroelectronics terrà una conference call per discutere la performance operativa della Società nel terzo trimestre del 2012.  La conference call si terrà alle ore 15:00 e potrà essere seguita in diretta via Internet all'indirizzo http://investors.st.com. Si prega di accedere al sito web almeno quindici minuti prima dell'inizio della conference call per registrarsi, scaricare e installare il software audio necessario. Il webcast sarà disponibile fino al 2 novembre 2012.

Alcune informazioni sulla STMicroelectronics
La ST è leader globale nel mercato dei semiconduttori al servizio dei clienti attraverso tutto lo spettro delle tecnologie "Sense and Power" e delle applicazioni di convergenza multimediale. Dalla gestione e risparmio d'energia alla protezione e sicurezza dei dati, dalle applicazioni per la sanità e benessere della persona agli smart gadget, a casa, in automobile e in ufficio, al lavoro e nel tempo libero, la ST è presente dovunque la microelettronica possa apportare un contributo positivo e innovativo alla vita delle persone. Ed è proprio perché la ST lavora con passione per ottenere sempre maggiori benefici dalla tecnologia e utilizzarli per migliorare la nostra vita che diciamo che ST sta per life.augmented.

Nel 2011 i ricavi netti della Società sono stati pari a 9,73 miliardi di dollari. Per ulteriori informazioni sulla STMicroelectronics consultare il sito www.st.com.


 

 

 

(Allegato A)

STMicroelectronics
Informazioni finanziarie supplementari non US GAAP
Riconciliazione fra US GAAP e non US GAAP
In milioni di dollari fatta eccezione per i valori per azione

 

Le informazioni supplementari non US GAAP presentate in questo comunicato stampa non sono certificate e sono soggette ad alcune limitazioni intrinseche. Tali informazioni non US GAAP non si basano su alcuna serie completa di regole o principi contabili e non dovrebbero essere considerate come sostitutive dei parametri US GAAP. Inoltre, le informazioni finanziarie supplementari non US GAAP della ST possono non essere comparabili con denominazioni simili non US GAAP usate da altre società. Ulteriori limitazioni specifiche per i singoli parametri non US GAAP, e le motivazioni che spingono la Società a presentare informazioni finanziarie non US GAAP vengono delineate nei paragrafi seguenti. Per compensare le limitazioni indicate, le informazioni finanziarie supplementari non US GAAP vanno consultate congiuntamente con i bilanci consolidati della Società, preparati in conformità con US GAAP.

Il reddito operativo (perdita) prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum è utilizzato dalla direzione della Società come ausilio per migliorare la comprensione delle operazioni in corso e per comunicare l'impatto delle voci escluse, come oneri di svalutazione, ristrutturazione e altri costi relativi a chiusura. Gli utili netti e gli utili netti per azione (EPS) rettificati sono usati dalla direzione della Società come ausilio per migliorare la comprensione delle operazioni in corso e per comunicare l'impatto delle voci escluse quali svalutazione, oneri di ristrutturazione e altri costi correlati alla chiusura di competenza della ST e altre voci una tantum al netto dell’impatto delle imposte applicabili.

La direzione della Società considera il ritorno sul capitale investito (RONA) come la metrica finanziaria ed economica determinante per la misurazione del ritorno sul capitale investito. Il RONA equivale al rapporto tra il reddito operativo (perdita) prima degli oneri di svalutazione e ristrutturazione diviso per la media delle attività nette utilizzate durante il periodo. La ST definisce la media delle attività nette come la media delle attività totali al netto delle passività totali come riportate nel nostro stato patrimoniale consolidato, escluse tutte le voci relative alla nostra posizione finanziaria come la cassa e le disponibilità liquide, i titoli negoziabili, i depositi a breve termine, la quota a breve dei finanziamenti a lungo termine e i debiti a lungo termine.

Il reddito operativo (perdita) prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum di competenza della ST è calcolato come reddito operativo (perdita) prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum escludendo il 50% del reddito operativo (perdita) di ST-Ericsson prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum come consolidato dalla ST. Il margine operativo prima degli oneri di svalutazione, ristrutturazione e una tantum di competenza della ST è calcolato come reddito operativo (perdita) prima della ristrutturazione di competenza della ST diviso per i ricavi riportati, escludendo il 50% dei ricavi di ST-Ericsson come consolidati dalla ST. Il RONA attribuibile alla ST è calcolato come reddito operativo (perdita) annualizzato prima della ristrutturazione di competenza della ST diviso per le attività nette riportate, escludendo il 50% delle attività nette di ST-Ericsson come consolidate dalla ST.

La Società crede che questi parametri finanziari che non sono GAAP forniscano informazioni utili a investitori e management perché misurano la capacità della Società di generare profitto dalle proprie attività di business, dato che non tengono conto dell’effetto di acquisizioni e spese relative alla razionalizzazione delle proprie attività e siti che essa non considera come parte dei risultati operativi in corso; dunque questi parametri, quando sono consultati congiuntamente con i dati finanziari GAAP della Società, offrono i) la capacità di rendere più significativi i confronti dei risultati operativi in corso da un periodo all’altro; ii) la capacità di individuare meglio le tendenze nelle attività di business della Società e di compiere le relative analisi, e iii) un modo più semplice per confrontare i risultati delle attività della Società rispetto ai modelli finanziari e alle valutazioni di investitori e analisti.

Q3 2012
(milioni di dollari e centesimi per azione)

Margine lordoReddito operativo
(perdita)

Utile netto

EPS
corrispondente
U.S. GAAP753(792)(478)(0,54)
Svalutazione e ristrutturazione 713456 
Beneficio fiscale stimato  (7)
Non-U.S GAAP 753 (79) (29) (0,03)

 

 

Q2 2012
(milioni di dollari e centesimi per azione)

Margine lordoReddito operativo
(perdita)
Utile netto EPS
corrispondente
U.S. GAAP736(207)(75)(0,08)
Svalutazione e ristrutturazione 5628 
Beneficio fiscale stimato  -
Non-U.S GAAP 736 (151) (47) (0,05)

 

Q3 2011
(milioni di dollari e centesimi per azione)

Margine lordoReddito operativo
(perdita)
Utile nettoEPS corrispondente
(su base diluita)
U.S. GAAP873(23)710,08
Svalutazione e ristrutturazione 107 
Beneficio fiscale stimato  7
Non-U.S GAAP 873 (13) 85 0,09

Posizione finanziaria netta: risorse (debito), rappresenta il saldo tra le nostre risorse finanziarie complessive e il nostro indebitamento finanziario complessivo. Le nostre risorse finanziarie complessive includono cassa e disponibilità liquide di cassa, titoli negoziabili, depositi a breve termine e liquidità vincolata, mentre l'indebitamento finanziario complessivo include i prestiti a breve termine, la quota corrente di finanziamenti a lungo termine e i debiti a lungo termine, tutti come riportato nel nostro stato patrimoniale consolidato. Riteniamo che la nostra posizione finanziaria netta fornisca informazioni utili agli investitori dal momento che fornisce indicazioni sulla nostra posizione globale o in termini di indebitamento netto o posizione di cassa netta misurando le nostre risorse di capitale sulla base di cassa, disponibilità liquide di cassa e titoli negoziabili, nonché il livello complessivo del nostro indebitamento finanziario. La posizione finanziaria netta non è un parametro US GAAP.

Posizione finanziaria netta (in milioni di dollari)

September 29,
 2012

30 giugno 2012

1 ottobre 2011

Cassa e disponibilità liquide1.6861.8061.973
Titoli negoziabili237259464
Depositi a breve termine--91
Liquidità vincolata--3
Liquidità vincolata non corrente445
Posizione totale di cassa1.9272.0692.536

Prestiti a breve termine e quota a breve di

finanziamenti a lungo termine
(1.260)(1.173)(840)
Debiti a lungo termine(298)(362)(869)
Indebitamento finanziario complessivo(1.558)(1.535)(1.709)
Posizione finanziaria netta369534827
    
Posizione finanziaria netta, rettificata tenendo conto dell'investimento del 50% in ST-Ericsson1.0641.1531.134

 

Il free cash flow è definito come flusso di cassa netto da (impiegato per) attività operative meno il flusso di cassa netto impiegato per attività di investimento, escludendo i pagamenti per acquisti di e proventi dalla vendita di titoli negoziabili, i depositi a breve termine e la liquidità vincolata. Riteniamo che il free cash flow fornisca informazioni utili agli investitori e ai dirigenti, dato che misura la capacità della Società di generare cassa dalle proprie attività operative e di investimento a sostegno diretto delle proprie attività operative. Il free cash flow non è un parametro US GAAP e non rappresenta il flusso di cassa complessivo dato che non include i flussi di cassa generati da o assorbiti dalle attività finanziarie. Inoltre, la nostra definizione di free cash flow può differire da quelle usate da altre aziende.

Free cash flow (in milioni di dollari)Q3 2012Q2 2012 Q3 2011
Flusso di cassa netto da (impiegato per) attività operative148(37)276
Flusso di cassa netto impiegato per attività di investimento(203)(199)(413)
Pagamento per l'acquisto di (proventi dalla vendita di) titoli negoziabili, depositi a breve termine e liquidità vincolata, al netto(25)1071
Free cash flow(80) (129) (136)

 

Feedback Form
Customer Feedback